Avrei potuto salvarlo

Avrei potuto salvarlo è un messaggio lanciato per difendere la biodiversità. Diamo la possibilità agli uccelli, specialmente nelle città dove l’essere umano continua a sottrarre habitat ai selvatici, di nidificare. E se la loro scelta per riprodursi cade sul nostro davanzale, portiamo pazienza e sosteniamo la vita con gioia.

La mente vacillava, angosciata, mentre il fisico stava per cedere. E, anche se nessuno mi infastidiva in quel luogo desolato, la voce di un umano mi fece sobbalzare.
“Te li ritrovi dappertutto, ‘sti cavolo di piccioni.” Mugugnò l’uomo passando oltre.

Un cane abbaiò in lontananza.

“Non cedere.” Mi ripetei contraendo i muscoli.
“Trattieniti, trattieniti…” Pensai, rimanendo ferma e rigida.
Fu tutto inutile. Ogni sforzo si rivelò vano.

“Mio Dio che cosa ho fatto!” Piagnucolai, osservando il mio uovo bianco e perfetto dietro di me.

Avrei potuto salvarlo se solo avessi trovato un davanzale o un albero fitto su cui deporlo.
Ma i pochi alberi in città erano già tutti occupati e non ho trovato nessun umano disposto ad aiutarmi.

Il nido che avevamo costruito io e il mio compagno su un comodo davanzale fu distrutto con una scopata che in un attimo, lo sparpagliò al suolo.

Per noi piccioni non c’è un posto sicuro dove nidificare, solo cemento e persiane chiuse.

“Figlio mio perdonami. Ho fallito. Eri la cosa più importante della mia vita e sei finito a terra come una foglia divelta da una folata di vento.”

Melania Corradini

Valutazione

Leggi le altre storie di Melania:

1 2 3 4
Condividi e aiutaci a diffondere i nostri contenuti. Grazie.

4 commenti su “Avrei potuto salvarlo”

  1. Chiaramente avrebbe dovuto portare pazienza quell’individuo super gretto e con la testa piccina…. piccina…. che i due colombi coniugi portassero a termine la loro figliata, dopodiché eventualmente se non avesse voluto farli proseguire, dopo che i due novelli si sarebbero involati, avrebbe potuto rimuovere delicatamente il vecchio nido sistemando nuovamente il davanzale. I piccioni avrebbero cercato conseguentemente un altro punto dove nidificare. Ma, da come si può evincere, evidentemente la sua sensibilità valeva meno di zero!! Un salutone Melania, Giorgio

    Rispondi
    • Avere la gioia di poter seguire una covata in tutte le sue fasi dall’inizio alla fine è un’esperienza bellissima, direi pure un privilegio che non tutti hanno la capacità di capire, ma purtroppo oggi la gran parte dell’umanità è snaturata, e come dici tu Giorgio, se non si può garantire la giusta serenità agli uccelli sul proprio davanzale, il nido va rimosso solamente alla fine quando anche i giovani sono ormai autonomi. Enzo

      Rispondi
      • Buongiorno Enzo, grazie per il suo commento che dimostra che ci sono ancora persone di buon cuore, bendisposte verso questi splendidi uccelli. Persone che non si sono fatte plasmare e fuorviare da questa nostra società sempre più arida di sentimenti.
        Cordiali saluti
        Melania

        Rispondi
    • Buongiorno Giorgio, esatta e sensibile analisi la sua, basterebbe portare un minimo di pazienza e il giusto rispetto a queste nobili creature che nulla pretendono se non di esprimere la vita nella sua interezza.
      Un caro saluto
      Melania

      Rispondi

Lascia un commento

App Veg Navigator

ISCRIVITI GRATUITAMENTE ALLA NEWSLETTER

  • Potrai avere informazioni sull’app Veg Navigator (Android e iOS).
  • Potrai scoprire dove mangiare nel rispetto di animali e ambiente.
  • Potrai scoprire nuovi locali vegan friendly della tua zona e non solo.
  • Nessun tipo di SPAM 
Spaghetti alla carbonara Rifugio Romano ristorante pizzeria di Roma
Sacher vegana servita da Teresa Carles ristorante di Barcellona
Piatto vegano preparato da Oh Ficomaeco di Brescia

Vuoi inviare una segnalazione?

Qui puoi segnalare a Essere Vegan se il locale non soddisfa le caratteristiche descritte.