Gli esseri umani non sono né carnivori, né onnivori

In questo articolo vi spiegheremo perché gli esseri umani non sono né carnivori, né onnivori.

Quando si parla di alimentazione, perfino nei libri della scuola primaria, l’essere umano viene inserito nella categoria degli onnivori, come il cane, il topo, il maiale. Questo succede a dispetto di moltissime prove (principalmente anatomiche) che dimostrano ben altro.

I denti

Nella dentatura umana, i premolari e i molari sono dotati di cuspidi basse e arrotondate, come quella delle scimmie antropomorfe; nei carnivori, invece, i premolari e i molari terminano con più cuspidi appuntite e taglienti.

La dentatura delle scimmie antropomorfe è adatta a una alimentazione frugivora, cioè a mangiare principalmente frutta e semi.

La dentatura dei carnivori è progettata per la macellazione delle prede: nei carnivori la masticazione è quasi assente.

Già solo da questo possiamo comprendere che certamente l’uomo non è carnivoro: i suoi denti non sono fatti per strappare la carne degli animali, né vivi, né morti. Se l’uomo mangia la carne, è solo perché la cuoce e quindi la rende masticabile per i suoi denti inadatti a strapparla quando è ancora attaccata all’animale.

La lingua

La nostra lingua è priva dei recettori proteici e dei recettori dei grassi tipici degli onnivori e dei carnivori. Questi recettori rendono le carni crude e non condite più attraenti per i veri onnivori. Gli esseri umani oggi devono cucinare e condire la carne con piante e sale per trovarla appetitosa.

L’apparato digerente

Il processo digestivo dell’uomo e degli animali non carnivori comincia dalla masticazione, tramite la quale si crea il bolo.

La nostra saliva contiene gli enzimi utili alla digestione chimica e a uccidere alcuni microorganismi. I carnivori ingeriscono il cibo intero, la masticazione è quasi assente e le ghiandole salivari sono poco sviluppate perché non è necessario produrre enzimi digestivi.

L’ intestino umano è circa 10-12 volte la lunghezza del nostro tronco, il che ci mette in linea con gli erbivori. Gli intestini degli onnivori e dei carnivori sono molto più corti.

L’intestino degli animali carnivori è corto (circa 3-6 volte la lunghezza del tronco), in quanto la carne che va in putrefazione deve restare per poco tempo nel corpo.

L’uomo, invece, ha un intestino molto lungo, adatto a digerire frutta e vegetali: quando la carne resta nel nostro intestino, fermenta e acidifica.

Le mani

Le mani dell’uomo hanno le unghie piatte e il pollice opponibile, come quelli delle scimmie antropomorfe; ciò serve per raccogliere la frutta, non per aggredire un animale. Infatti, i carnivori sono forniti di artigli per agguantare le prede.

La vista

L’essere umano e i primati vedono molti colori, compreso il rosso, mentre gli altri mammiferi hanno una visione monocromica o bicromica. Poter vedere a colori permette a uomini e primati di riconoscere un frutto acerbo da uno al giusto grado di maturazione.

L’olfatto

Gli esseri umani sono attratti dai profumi fruttati e spesso scegliamo i profumi di frutta, quando acquistiamo i profumi. Gli animali morti in genere hanno un cattivo odore per noi, mentre hanno un odore attraente per i carnivori e gli onnivori.

Modo di bere

Questo può sembrare un po’ strano, ma è una semplice conseguenza della conformazione della bocca di ciascuna specie. Hai notato che i carnivori di solito bevono l’acqua leccandola? E al contrario, che noi la beviamo sorseggiando? Se osservi molte specie diverse, scoprirai che gli erbivori bevono come noi.

Quantità di sonno

I carnivori dormono durante la maggior parte della giornata, con brevi periodi di attività per la caccia. Ad esempio, la tigre dorme 15 ore, il leone 14 ore, il gatto e il ghepardo 12.

Gli erbivori, a parte alcune eccezioni, tendono ad aver bisogno di meno sonno.  La capra, per esempio, dorme 5 ore, la pecora e la mucca 4 ore, i cavalli e gli asini dormono solo 3 ore al giorno. La giraffa con solo 2 ore di sonno si aggiudica il primato di animale più sveglio.

I nostri tempi di sonno sono un po’ più bassi rispetto alla maggior parte degli animali onnivori, il che suggerisce ancora una volta una maggiore parentela con gli erbivori.

Gli esseri umani non sono né carnivori, né onnivori

Queste sono solo alcune delle motivazioni fisiche che dimostrano perché l’essere umano non è carnivoro.

A questo punto, qualcuno obietterà che effettivamente l’uomo non è carnivoro, ma onnivoro. Beh, ciò che abbiamo scritto prima confuta anche questa teoria: se l’uomo non è carnivoro per le motivazioni esplicitate poco fa, non è nemmeno onnivoro, in quanto la carne che mangerebbe da onnivoro creerebbe comunque dei danni al suo organismo, non adatto a digerirla. E, comunque, se non ha un fisico adatto a cacciare senza armi, perché dovrebbe cacciare?

Ci sono stati dei periodi della storia dell’uomo in cui egli è stato costretto a mangiare gli animali: questo è successo quando ancora non aveva imparato a coltivare, o quando, a causa del clima, non trovava abbastanza frutta, verdura e semi. In quei periodi, l’uomo è diventato onnivoro per necessità, per pura sopravvivenza.

Quindi l’affermazione “gli esseri umani non sono né carnivori, né onnivori “ è corretta.

Siamo onnivori per scelta, ma frugivori per natura.

Ora, ci domandiamo, è ancora necessario nutrirsi di animali? L’uomo si trova nuovamente in una situazione in cui per sopravvivere deve uccidere gli animali (o chiedere a qualcun altro di farlo)?

Lasciamo a voi la risposta…

“Metti una mela e un coniglio vivo davanti a un bambino. Se il bambino mangia il coniglio, ti comprerò una Cadillac.”
Harvey Diamond

Tratto da “The Comparative Anatomy of Eating” di Milton R. Mills, M.D.

Condividi e aiutaci a diffondere i nostri contenuti. Grazie.

16 commenti su “Gli esseri umani non sono né carnivori, né onnivori”

  1. A chi legge quest’articolo, faccia molta attenzione, queste persone non hanno un titolo di studi adatto per fare certe affermazioni, o per lo meno non si è firmato col titolo giusto per poter fare queste affermazioni. Non fidatevi di chi non fa della medicina e del antropologia la propria professione ma predica lo stesso consigli su stili di vita alternativi, vi posso assicurare che noi abbiamo più cose in comune con gli onnivori che con i raccoglitori o con gli erbivori, e che questo tipo di stile di vita vi porterà inevitabilmente a delle carenze fisiologiche.
    Se volete ascoltare loro va bene però io mi firmo come un laureando in biologia, quindi se non pecco di presunzione posso affermare tranquillamente che so di cosa sto parlando. Se non vi fidate avete la mia email e provvederò a inviare numero di matricola e esami in corso immediatamente

    Rispondi
  2. Io oggi ho 73 anni e sono assolutamente in salute, non prendo medicine anche se e’ incorretto chiamarle medicine, e’ piu’ giusto chiamarle veleni. Affermo con assoluta certezza che l’umano e fruggivoro, perche dico cio’? perche’ dal 2008 ho smesso di essere onnivoro/carnivoro in quanto avevo un sacco di problemi inclusa la prostata da asportare questo d’accordo con alcuni urologi, le scapole non ne volevano sapere di lasciarmi tranquillo, dolori alle articolazioni, bruciori di stomaco da paura. e sicuramente qualcos’altro. Facevo quanto fanno tutti, andavo dal medico e prendevo veleni. Non vi e’ stato mai verso di stare bene. Al che grazie ad internet ho cominciato a fare delle ricerche ed ho trovato un libro interessantissimo che e’ il sistema di guarigione della dieta senza muco di Arnold Ehret. Dopo averlo messo in pratica ho incominciato ad assaporare i primi benefici. Non mangio carni di nessun tipo cerco di mangiare il piu’ possibile cibi crudi in quanto i cibi vivi vivificano, mentre quelli cotti, quindi morti mortificano. Oggi mi sento bene faccio esercizio compatibile con l’eta’ di mattino colazione a base di frutta di stagione quando possibile e poi a seguire dopo 1/5 ora circa. Per pranzo verdure crude circa 70% e poi verdure cotte. a terminare. Quindi parlo per esperienza sul campo, non ho titoli accademici ma sono certo che cio’ che dico e vero, non parlo per sentito dire. Che ognuno faccia cio che crede meglio.

    Rispondi
  3. Come la mettiamo con la vitamina B 12 , indispensabile per la salute. Conosco molti Vegani, che prendono le Pastiglie per ricompensare, La vitamina B12. Questa Vitamina proviene dalla carne.

    Rispondi
    • Nino Patella la b12 di cui lei fa menzione negli animali di allevamento non è altro che quella contenuta negli integratori che vengono dati agli stessi, la b12 viene assunta dai suddetti animali pascolando liberi nei campi, a lei risulta che gli animali pascolano felici nei campi?
      Si faccia le analisi e scoprirà che ne è carente perché non è detto che mangiare carne si ha il giusto apporto della b12.
      Noi vegani prendiamo integratori quanto lei ne possa prendere mangiando carne ma la differenza è che noi non andiamo in carenza sapendo di integrarla.
      La b12 si trova in natura sulla terra ed acqua contaminati da batteri che la producono e che viene depositata sui vegetali e noi umani dovremmo coglierla e consumarla nell’immediato per assimilarla, impossibile nei giorni odierni in quanto contaminata da tutto e di più.

      Rispondi
    • Buongiorno Massimo,
      le teorie di 2 studiosi non possono essere il verbo assoluto, a fronte di numerosi altri studi che dicono il contrario. La conformazione fisica dell’essere umano non mente.
      Cordiali saluti

      Rispondi
  4. Buongiorno
    Molti punti sono definizioni forzate a favore di chi si sta esprimendo, sono più delle opinioni che prove scientifiche . Potrei ribattere al 90% delle posizioni prese con risposte evolutive scientificamente oggettive, esempio l assunto che le scimmie non cacciano è sbagliato, lo scimpanzé noto per esser vegetariano al massimo insettivoro in realtà caccia in squadre per nutrirsi di carne, arrivando a uccidere, e quindi nutrirsi, anche di altri piccoli primati e non in tempi di carenza di cibo.
    L’assunto del “sonno” va visto al contrario. Non è il sonno che determina l alimentazione ma il contrario è l alimentazione che determina il sonno (ci vuole più fatica a digerire carni) .
    L uomo non è privo di armi. Il cervello ha sopperito a quasi tutte le mancanze fisiche, in natura è importante il risultato di chi sopravvive, il “come ” è opinabile… e potrei continuare solo per fare degli esempi .
    L’ affermazione esatta è : L essere umano è FRUTTIVORO 90%CON PARENTESI BREVI DI PROTEINE ANIMALI 10% , non è ne carnivoro ne vegano ne onnivoro ne vegetariano. Queste disquisizioni non sono uscite da 2000-3000 anni di studi umani ma da 4,5 miliardi di anni evolutivi E 65 milioni di evoluzione dei mammiferi

    Detto questo io sono a favore di un alimentazione che incida zero sulla vita di altri esseri, le tecnologie ci sono per aiutarci e vanno applicate, ad oggi ciò che ci impedisce di muoversi verso questo obiettivo sono le lobby pro-carne(troppi interessi) e le poco intelligenti affermazione pro-vengan tipo quella qua sopra con sprazzi di paventata prova scientifica tanto per dare un che di vero essa stessa estrapolazione di discussione in ambito scientifico altrettanto opinabile

    Cordiali saluti

    Rispondi
    • Caro Giorgio, grazie per la tua risposta. Ci fa sempre molto piacere avere scambi di idee riguardo a un articolo. Siamo soliti inserire in ogni nostro articolo il link delle fonti (anche scientifiche) da cui prendiamo le informazioni. Anche in questo caso, come potrai vedere, ci sono i link per approfondire l’argomento e la fonte da cui è stato tratto. Ci fa piacere sapere che sei a favore di un’alimentazione che non sfrutti gli animali.
      Grazie e buona giornata

      Rispondi

Lascia un commento

App Veg Navigator

ISCRIVITI GRATUITAMENTE ALLA NEWSLETTER

  • Potrai avere informazioni sull’app Veg Navigator (Android e iOS).
  • Potrai scoprire dove mangiare nel rispetto di animali e ambiente.
  • Potrai scoprire nuovi locali vegan friendly della tua zona e non solo.
  • Nessun tipo di SPAM 
Spaghetti alla carbonara Rifugio Romano ristorante pizzeria di Roma
Sacher vegana servita da Teresa Carles ristorante di Barcellona
Piatto vegano preparato da Oh Ficomaeco di Brescia

Vuoi inviare una segnalazione?

Qui puoi segnalare a Essere Vegan se il locale non soddisfa le caratteristiche descritte.