L’intelligenza delle galline

L’intelligenza delle galline è la più sottovalutata, vengono ritenute sciocche e caciarone per quel loro buffo e simpatico chiocciare e per quel mancato involo che le rende uccelli a metà.

In realtà sono animali intelligentissimi che possiedono una memoria incredibile dato che hanno più o meno lo stesso numero di neuroni di un piccolo primate. Per questo motivo, anche se piccolo, il loro cervello è eccezionale, in riferimento all’alta concentrazione di neuroni, maggiore che nei mammiferi, in particolare nella corteccia che è la parte corrispondente alle funzioni cognitive più complesse.

Per questi motivi le galline sono dotate anche di un sistema di comunicazione molto sofisticato sia vocale che gestuale e sono molto abili a riconoscere non solo i volti delle persone ma anche altre tipologie di animali e i loro simili. Riescono a distinguere fino a cento differenti galline.

Le galline sono animali molto intelligenti
Le galline sono animali molto intelligenti

Ottime osservattici

Studi eseguiti in Belgio e Inghilterra dimostrano senza ombra di dubbio che le galline sono ottime osservatrici capaci, come abbiamo già evidenziato, di distinguere uccelli a loro familiari ed estranei.

Le galline durante l’esperimento hanno dimostrato di avere capacità superiori a quelle dei mammiferi, riconoscendo i singoli individui, grazie all’osservazione dei dettagli e alla loro incredibile capacità di ricordare alcune particolari peculiarità estetiche.

Il test consisteva nel proiettare davanti alle galline immagini di altri animali, usando gli stessi soggetti ma con differenti inquadrature, oppure inquadrando piccoli particolari degli individui ripresi, ad esempio una zampa.
Le galline hanno superato con successo il test, riconoscendo gli altri animali tramite un’accurata osservazione dei dettagli fisici e del loro modo di camminare.

Pulcini e matematica

Ancora più sorprendente è la capacità dei pulcini, a soli tre giorni di vita, di compiere operazioni aritmetiche: addizioni e sottrazioni.
La straordinaria scoperta è avvenuta grazie ad un’équipe italiana dell’Università di Padova.

Un piccolo gruppo di pulcini ha trascorso i primi giorni di vita insieme ad alcuni semplici oggetti: i contenitori di plastica delle uova di cioccolato. Dopo poco tempo i contenitori venivano nascosti, aggiunti o sottratti. E i pulcini si sono dimostrati capaci di riconoscere i gruppi più numerosi di oggetti.

Pulcini intelligenti
A soli tre giorni di vita, sono capaci di compiere operazioni aritmetiche: addizioni e sottrazioni.

Galli maestri dell’inganno

I galli ingannano i loro simili in maniera del tutto consapevole.
Durante la stagione degli amori i galli attirano l’attenzione delle femmine, non solo con i colori del loro appariscente piumaggio ma anche con piccoli doni. Appena un gallo trova in terra qualcosa di buono da mangiare inizia a danzare e lo offre alla femmina prescelta. Ma capita che i galli a volte fingano di trovare del cibo in modo da far avvicinare la gallina mentre loro danzano e si pavoneggiano, sottovalutando l’acume delle femmine che mai si faranno ingannare due volte di seguito.

Capita anche che il gallo dominante rubi la scena e il cibo ai galli più deboli e questi ultimi, per evitare di attirare l’attenzione del maschio alfa, corteggino la femmina con estrema discrezione, cercando di non fare troppo rumore.

La visione delle galline

Le galline vedono il mondo a colori e che colori. Se pensavate che gli stati della materia fossero quattro: solidi, liquidi, gas e plasmi, non avete considerato il quinto stato che si trova nell’occhio delle galline e si chiama: iperuniformità disordinata. Questo stato permette alla materia di esistere contemporaneamente sia come cristallo che come liquido.

Grazie al quinto stato, nella retina delle galline si organizzano i fotorecettori in modo tale da massimizzare la capacità di vedere tutte le lunghezze d’onda in ogni parte della retina.

Gli esseri umani vedono tre colori: rosso, blu e verde. Essendo dotati di 3 coni per la visione del colore. Le galline vedono un quarto fotorecettore per l’ultravioletto e un quinto per rilevare con incredibile precisione l’intensità dela luce. Per questo le galline vedono molti più colori con un contrasto più accentuato, una luminosità più intensa e una maggiore precisione per i dettagli, rispetto ai nostri occhi. E sono dotate di un doppio cono per individuare gli oggetti in movimento.

Le galline vedono un quarto fotorecettore per l'ultravioletto e un quinto per rilevare con incredibile precisione l'intensità dela luce.
Le galline vedono un quarto fotorecettore per l’ultravioletto e un quinto per rilevare con incredibile precisione l’intensità dela luce.

Il terzo occhio delle galline

Le galline possiedono “il terzo occhio,” dato che lo spessore sottilissimo del loro cranio permette alla luce di filtrare fino alla loro ghiandola pineale. Rendendole capaci di vedere attraverso il buio. Esse possiedono e adoperano questa importantissima ghiandola avvolta nel mistero e nella sacralità. Considerata fin dagli antichi egizi fonte di potenzialità spirituali: il sesto Chakra quello della visione magica, dell’intuito, della preveggenza.

“Mi sono convinto che l’anima non può avere in tutto il corpo altra localizzazione all’infuori di questa ghiandola, in cui esercita immediatamente le sue funzioni. Perché ho osservato che tutte le altre parti del nostro cervello sono doppie.”

Renato Cartesio – Le passioni dell’anima

Discendono dai dinosauri

Le galline discendono dal Tyrannosaurus Rex.
I ricercatori dell’università di Harvard hanno estratto una proteina dalle ossa del T-Rex, una molecola presente anche nelle lucertole, che mette in evidenza la fortissima relazione dal punto di vista evolutivo che intercorre tra il dinosauro e gli uccelli.
Quindi, i mastodontici predatori del passato si sono trasformati in graziose galline. Tutti gli uccelli discendono dal lignaggio di dinosauro: i dinosauri teropodi.

Pet-therapy

La pet-therapy con le galline nacque in Inghilterra nel 2011 ma già nell’800 era nota la loro buona influenza sui pazienti rinchiusi negli istituti psichiatrici, dove le piccole pennute venivano usate per calmare i pazienti.
In Inghilterra iniziarono l’esperimento con sei galline, usate per combattere la depressione tra le persone anziane e dato l’incredibile successo, questa pratica si diffuse in altre strutture: scuole, case di cura e ospedali e in poco tempo ebbe seguito in tutto il mondo.

In Italia la prima struttura ad utilizzare le galline per la pet-therapy fu VIDAS nel 2014. Le galline portarono tra i loro pazienti una ventata d’allegria e d’affetto. Gli animali si sono dimostrati abili nello stimolare i pazienti a partecipare attivamente al loro processo di guarigione.
Sia le galline che i galli hanno stabilito forti legami con le persone, lasciandosi accarezzare e chiocciando di gioia durante l’interazione con i pazienti.

È noto il caso di un bambino americano autistico di tre anni, che ha trovato grande aiuto nel rapporto con una gallina. Proprio per il fondamentale supporto delle galline ai bambini autistici è nato il “Chicken Love” un programma di pet-therapy ideato da una bambina autistica che ha dato vita, a soli dieci anni, al Chicken Therapy per autistici.

Galline da compagnia

È un fenomeno in larga diffusione quello delle galline tenute come animali da compagnia. Affettuose e socievoli ben si prestano alla vita in famiglia, convivendo in pace e serenità anche con cani e gatti. E così si possono osservare le simpatiche pennute scorrazzare sui terrazzi cittadini inseguendo insetti. Oppure accomodarsi sul divano per seguire i programmi televisivi insieme alla loro famiglia umana e, dopo il film, una bella passeggiata in giardino chiocciando a gran voce per allietare anche i vicini.

Gusto per il cibo

Durante un esperimento, alle galline è stato servito sia del cibo gustoso che del cibo sgradevole in ciotole di diversi colori. Dopodiché lo stesso cibo è stato servito ai loro pulcini e gli adulti sono stati in grado di indirizzare i piccoli verso gli alimenti migliori.

Rapporto con la prole

Le galline sviluppano un rapporto molto forte sia affettivo che pedagogico e sociale con i loro pulcini. Ogni loro comportamento verso la prole come quello di qulasiasi altro animale, non è dettato solo dall’istinto ma coinvolge anche la sfera emotiva. “Ragione e sentimento” non sono una prerogativa umana.

Il legame tra la gallina e i suoi pulcini è molto forte

Per questo motivo quando entrate al supermercato e passate davanti alla macelleria o agli scaffali strapieni di uova, ricordatevi che milioni di galline sono condannate a vivere rinchiuse in piccolissime gabbie, ammassate le une sulle altre e, anche quando sono allevate all’aperto, in realtà vivono stipate dentro enormi capannoni, in condizioni igieniche di estremo degrado.

Costrette a produrre uova continuamente e sottoposte ad ogni genere di brutalità, tra cui la mutilazione del becco: debeccazione.
Una pratica largamente diffusa negli allevamenti e molto dolorosa, messa in atto per evitare che gli animali si feriscano tra di loro per mancanza di spazio vitale. La vicinanza forzata, sia nelle gabbie che nei capannoni, crea stress agli animali che non hanno neanche lo spazio necessario per muoversi o allontanarsi se scoppia una rissa.

Gli animali, rinchiusi senza mai vedere la luce del sole e senza la ben che minima possibilità di camminare o correre, sporchi e sofferenti, si ammalano facilmente e spesso muoiono, restando a terra a decomporsi, calpestate dalle loro compagne di sventura. Le galline negli allevamenti, sia intensivi che estensivi, vengono sfruttate fino alla morte per le uova che altro non sono che il loro ciclo mestruale, di cui l’essere umano può facilmente evitarne il consumo.

Broiler

Broiler è un pollo da carne, una creatura modificata geneticamente per avere un rapido accrescimento, così da contenere i costi di mercato e permettere al consumatore di acquistare un pollo a prezzi stracciati. Animali talmente grassi da non riuscire neanche a reggersi in piedi che vedono esaurire il loro ciclo di vita a 40 giorni, massimo 60. Polli allevati per avere petti e cosce enormi, animali che arrivano a pesare a 40 giorni di vita 3 kg quando un pollo perfettamente nella norma ne peserebbe giusto la metà.

Questi poveri animali soffrono terribilmente durante la loro breve vita dato che le loro fragili ossa non riescono a reggere il loro spropositato peso e spesso si fratturano, lasciandoli immobilizzati sul pavimento lercio dei capannoni dove vivono rinchiusi, tra gli escrementi, aspettando d’essere uccisi. Vi ricordo che il 98% dei polli che arrivano sul mercato sono Broiler. E della loro martoriata carne l’essere umano può farne tranquillamente a meno.

Broiler, polli geneticamente modificati
Broiler, polli geneticamente modificati

Come porre fine a tanta ingiustizia

Porre fine a tanta ingiustizia e tanto dolore è possibile solo con una presa di coscienza: abolire carne e uova dalla propria dieta.
Smettendo di ignorare le terribili condizioni in cui questi animali sono costretti a vivere. Rinunciando all’orribile tradizione culinaria che induce i consumatori a portare crudeltà e violenza a tavola.

Le alternative vegetali alla carne e alle uova, al giorno d’oggi, sono disponibili in qualsiasi supermercato o sito internet e sono molteplici e di ottima qualità. Ribellatevi alla manipolazione pubblicitaria e alla dissociazione cognitiva indotta dalle vecchie abitudini. Réclame che martellano il consumatore e lo indirizzano verso scelte alimentari non etiche ma di largo profitto per le lobby del settore. Spegnete la tv e la realtà prenderà forma, perché solo la verità vi renderà liberi e, se lo vorrete, vi condurrà al rispetto verso ogni forma di vita.


FONTI:
https://www.liberoquotidiano.it/news/scienze-tech/23950890/polli-discendono-dinosauri-studio-universita-north-carolina.html
https://oggiscienza.it/2019/06/28/gallina-da-compagnia-domestica/index.html
https://www.vidas.it/pet-therapy-galline/
https://www.corriere.it/sette/comportamenti/20_marzo_20/perche-non-male-avere-cervello-gallina-un-animale-intelligente-62771b70-679c-11ea-93a4-da8ab3a8afb1.shtml
https://www.focusjunior.it/animali/quel-genio-della-gallina/

Altri articoli di Melania:

1 2 3
Condividi e aiutaci a diffondere i nostri contenuti. Grazie.

Lascia un commento

App Veg Navigator

ISCRIVITI GRATUITAMENTE ALLA NEWSLETTER

  • Potrai avere informazioni sull’app Veg Navigator (Android e iOS).
  • Potrai scoprire dove mangiare nel rispetto di animali e ambiente.
  • Potrai scoprire nuovi locali vegan friendly della tua zona e non solo.
  • Nessun tipo di SPAM 
Spaghetti alla carbonara Rifugio Romano ristorante pizzeria di Roma
Sacher vegana servita da Teresa Carles ristorante di Barcellona
Piatto vegano preparato da Oh Ficomaeco di Brescia

Vuoi inviare una segnalazione?

Qui puoi segnalare a Essere Vegan se il locale non soddisfa le caratteristiche descritte.